Archive for the ‘Nostalgia’ Category

[it] La maestra

Stramaledetto Google Earth.
Oggi passavo con la sua “Street View” per le strade della mia infanzia. E mi sono trovato davanti alla vecchia scuola mia. Scuola Generale 147. Il dito sul rotella del mouse su è fermato, incapace di distogliere quella immagine sul edificio al quale avevo speso otto anni della mia vita.
Otto lunghi ani.
I più belli……….. in assoluto.
****************************************************************************************************

Tenevo stretto stretto la mano di mia mamma mentre percorrevamo i corridoi di quella che chiamavano ” la scuola”. Quanta confusione nella mia testa. Quanta gente…. mamme…. bambini… ragazzi… mazzi di fiori… maestre e maestri…. zaini…. il “ding ding ding” di quello campanello che non vedevo e non riuscivo nemmeno a capire suo ruolo.
“Imparerai”, mi aveva detto mamma.
Un odore non ancora estinto di verniciatura fresca, si mescolava con quello del mio zaino nuovo e dei quaderni appena comprati ieri. E quel corridoio….. lungo. Infinitamente lungo.
Un esplosione di sensi.
Ci siamo fermati davanti a quella porta che aveva una semplice carta con delle scritte che io non capivo. Sapevo un po leggere (mamma si era già preso cura), ma non riuscivo a capire lo stesso.
Classe 1C
Ho guardato mamma. Lei mi fissava sorridendomi.
– Hai paura Vale? Non avere. Vedrai, ti piacerà.
Ed entreremo.
Qui il mondo cambierò. Cosi, come nel paese delle meraviglie di una certa Alice che mi leggeva mamma. Sparito il rumore….. le grida dei bambini nel corridoio che avevo attraversato. Anche se, anche qui c’eravamo in tanti. Bambini e genitori. Soltanto che… qui parlavano tutti piano, Quasi sussurravano. Mamma mi indirizzo verso una di quelle strane tavolette inclinate, e mi fece sedere sulla panca. Cominciai a curiosare intorno a me. Anche sotto la panca, dove si trovava un posticino scuro e dove avrei dovuto sistemare il mio zaino. Di fianco, un signore barbuto mi fissava dal suo quadro. Un certo Darwin
Silenzio, per favore.
Quella voce alta, ferma e potente arrivava da una signora appena entrata. E che si reco vicino alla scrivania davanti. I sussurii e le poche parole che erano in corso rimassero per aria. Sguardi curiosi la fissavano con attenzione.
Il mio nome è Paula Georgescu, e sono l’insegnante di questa classe. La 1C.
Si fermo guardandoci come se volesse registrarci mentalmente e continuo…
Vorrei prima di tutto augurarmi una buona collaborazione e…..
Guardavo incuriosito quella donna. Quella donna che, non la sapevo ancora, ma che per quattro anni avrebbe dovuto essermi insegnante. Una seconda madre (dicevano i miei). Aveva cosi, una aurea intorno a se e mi sembrava cosi sicura, cosi severa e forte che niente in questo mondo avrebbe avuto coraggio di contraddirla. Non avevo nessun dubbio, per lei non esistevano nessun mistero in questo mondo a avrebbe avuto risposte a qualsiasi domanda. E questa impressione mi davano anche i occhi di tutti quei genitori che lo ascoltavano. Stregati. Mamma compresa.
Poi, piano piano, cominciarono delle domande. Dai genitori. Io non capivo molto, ma le risposte rapide, corte, implacabile mi dimostravano come la Signora padroneggiava la situazione. Insomma, si vedeva che era come a casa sua. Poi… ad un certo punto…. la Signora li caccio via tutti genitori, esprimendo il desiderio di restare da sola, con noi.
Apriti cielo. Un ansia generale si scateno come al segnale. Non ero uno abituato a star attaccato alla gonna di mia madre. Avevo fatto anche asilo nido settimanale. Ma quei pianti, quei “non voglio che vai, mamma” di alcuni come me, mi turbavano. Mamma capi subito. Si abbasso e sistemandomi capelli disse.
– Non fare come una femminuccia Vale… tu sai com’è, sei già stato.
Un nodo nella gola mi impediva ma sforzandomi gli sorrisi e riuscii a balbettare
– Si mamma, non ti preoccupare… io sono forte
– Bene, e per non farmi vedere i suoi occhi umidi si alzo e… se ne andrò. Senza guardare indietro. Ed io che non avevo capito molto, stavolta avevo una certezza…..
Il mondo……. non sarebbe stato lo stesso come prima. Per me.


………………………………………………………………………………………..
P.S.Come dicevo, stramaledetto Google Earth. Con i suoi “zoom” e “street view”.
Ma anche un Grazie. Di cuore.

Annunci

[ro] Perioada proibitionista. Pàna unde? Pàna cand?

Ascultând cândva la radio (un post oarecare) m-am trezit la un moment dat într-o dezbatere unde se discuta despre închisorile cu deţinuţi ce nu mai făceau fata, fiind supra aglomerate. Era, îmi aduc aminte, invitata şi o directoare de penitenciar. Necesitatea guvernelor de a construi noi (şi noi) centre de detenţie pentru a satisface capacitatea “clienţilor” în creştere continua. Bineînţeles cu cheltuieli de rigoare – gardieni mai multi, cheltuieli de întreţinere, apa, lumina, gaz, psihologi, și structuri sanitare.

Ceea ce mi-a rămas în memorie de la aceea dezbatere a fost atunci când la un moment dat directoarei i s-a pus o întrebare.

– De ce credeţi ca numărul deţinuţilor este în continua creştere. Care-i motivul? Sa fie oare noile generaţii mai expuse la violenta si delincventa?

Răspunsul directoarei (pentru mine unul) a fost unul șocant si neașteptat.

– Absolut deloc. Nu se referă în absolut la tendința umanității în a trăi în afara legi. Răspunsul se afla prin faptul ca astăzi societatea are mai multe restricţii ca ceea de ieri. Asa cum cea de mâine va fi mult mai restrictiva ca cea de azi. Gândiţi-va puţin, sunt unele legi ce acum 20 de ani nici nu le concepeam. Cum ar fi cele cu privința la privacy, sau cele de factura” internauta”. Descărcări ilegale de muzica, sau chaturi sau…. mai știu eu ce. Asta ca sa fac doar o paranteza.

Conceptul este extraordinar. Si trebuie sa recunosc, neaşteptat. Uite asa, ca dintr-odată mi-a venit un raptus nostalgic. Va mai aduceţi aminte anii 80? Când se putea fuma în orice loc. Si nimeni nu se uita urat la tine atunci când aprindeai o țigara la birouri. Când centura de siguranţa (de la amărâta aia de dacie 1300) era doar un “opţional“. Cand alergam s-apăs butonul REC atunci când la radio canta Michael Jackson. Si nimeni nu-mi cerea dreptul la “copyright“. Asta ca sa nu mai spun de săracul meu Kasthan. Cate ori nu a copiat de la amărâtul ala de radio Progres (sintonizat pe postul Radio Bucureşti).

Pai numai daca e sa fim pedepsiţi pentru muzica si filmele ce auzim si vizionam zilnic cred ca…. ar trebui sa ne cam putrezeasca oscioarele prin penitenciare. Hai sa fim cinstiti, cine nu are un program de “torrentare” pe computerul personal? Si doar stim ca este ilegal in fond si la urma urmei. Asta este exact ca in bancul acela cand s-a facut un sondaj de opinie in domeniul pirateriei video. Intrebati daca “ar descarca ilegal filmul Avatar”, 30 % a răspuns ca “DA”, ar face-o.

Ceilalţi 70% au ramas surprinsi, declarand ca…..

Da ce, a ieşit deja a doua parte?

[ro] Nostalgia….. (bunicule, de ce mor oameni?)

Nu stiu daca pot sa ma definesc un tip nostalgic. Poate ca sunt. Sau poate ca odata cu trecerea anilor devin si eu parte din aceasta categorie. Nici nu ma bucur, dar dar nici nu ma sperie gandul. In fond si la urma urmei cui nu i-ar placea sa mai retraiasca momentele de acum 10, 20 sau chiar si 30 de ani (ma rog, pentru cine e posibil, chiar si mai mult, depinde de varsta). Pentru ca in fond, a fi nostalgic nu este altceva decat a dori de a te intoarce in timp. A retrai din nou acele momente pe care azi le consideri pierdute, neglijate. Si de ce nu, a incerca sa eviti greselile din trecut. Nostalgia noastra nu ascunde decat un “a putea sa reincepi totul“, mai sistematic, mai atent, mai intelept. Gandindu-ma doar la semnificatul cuvintelor ce apartin in vocabularul usual al nostalgicului, la acele intrebari ce exprima parerea de rau pentru un trecut ce nu mai exista dar pe care si-l doreste.

“Daca-as putea sa mai….”,     “Candva….”,       “Pe vremea aceea nu exista…”

” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ‘

De ce mor oamenii, bunicule?………

Ma aflam intins pe iarba racoroasa din aceea noapte de vara. O vara simpla, linistita, ca oricare vara din copilaria mea de la tara. Ne aflam pe campul din spatele casei. Un copil…. si bunicul sau. Priveam afascinat miriada de stele ce se desfasura deasupra mea. Bratul bunicului isi indeplinea rolul de perna pentru capsorul meu curios.

– Pai stiu si eu? Nu scrie in cartile aleea ale tale?

Stia ca-mi place sa citesc. Si desi ma ironiza, eu stiam ca avea un mare respect pentru carti (ca orce taran roman ce nu are, sau n-a avut posibilitatea ca sa citeasca). Nu se credea destept, dar aveea in el o intelepciune, si un tàlc al cuvintelor ce ma atragea. O mentalitate populara, venita din adancul taranului romàn.

– Bunicule…. uite cate stele? De ce sunt atat de multe stele?

El nu-mi raspunse imediat. Ramase tacut. Dar eu stiam ca el gandeste la raspunsul ce aveea sa-mi dea. Un raspuns ce venea din profonditatea cunostintelor sale, folkloristice.

– Aleea sunt sufletele noastre. Fiecare om are o stea a lui. Atunci cand moare  cade si steaua lui de pe cer.

– Ce frumos…… si cand suntem fericiti?

– Atunci steaua noastra straluceste mai tare. Uite cate stele stralucesc pe cer.

– Dar bunicule….. cele mai multe….. nu stralucesc….

– Vad nepoate, vad….. din pacate.

– Bunicule….. care e steaua mea?

– Pai stiu si eu. Alege si tu una.

– Dar sunt atat de multe.

– Si oameni-s multi, nu?

– Si steaua ta bunicule? Care este steaua ta?

– Eeeeh, steaua mea sta sa apuna nepoate…. Cine stie… poate-i chiar aia ce abia mai palpaie.

M-am agatat disperat imbratisand pieptul bunicului.

– Nuuu… bunicule…. nuuu….. nu vreau sa mori…..

– Ha ha ha. Nici eu nu vreau nepoate. Dar asa a hotarat Domnul. Si nimeni nu se pune contra lui….

 

Si linistea se asternu din nou intre noi.  Stateam tacut si meditam cu mintea mea de copil. La ceea ce “hotaràse Domnul”. In locul cuvintelor noastre isi facu aparitia oracaitul unei broscute si taraitul greierilor din iarba.

– Bunicule…….

-Mh?

– Promitemi un lucru…..

– Ce anume?

– Promitemi….. ca tu n-ai sa mori niciodata…..

– Oh oh oh. Bine nepoate, iti promit.

– Nici tu….. si nici bunica…..

– Asa sa fie.

‘ ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ‘‘ ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ” ”

Aveam 8 sau 9 ani. Astazi, bunici mea nu mai sunt demult. Amandoi au lasat aceeasta lume. Unul dupa unul. La distanta de un an.

Unde s-au dus?

Chiar vreti sa stiti?

Pai e simplu….. acolo unde se duc stelele cazatoare.

CIVUOLEPOCO

BASTA ESSERE SEMPLICI

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

il nuovo blog del gatto sylvestro

dicono che i gatti hanno 7 vite.......

Vietato calpestare i sogni ©ELisa

Se i tuoi sogni dovessero volare più in alto di te,lasciati trasportare.Almeno nella fantasia, non poniamoci mai dei limiti.

Dilema omului de rand

Cu càt incerci sa fi mai explicit, cu atàt sunt mai confuz.

♥ melodiestonate ♥

Un blog da leggere... .Per chi ha tempo da perdere...♥

E' scientificamente dimostrato

Posti del Cosmo dove non sono mai stato

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Aquila Non Vedente

Aquila e tutta la sua famiglia (compreso Bibùlo)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: